Seleziona una pagina

Cos’è una fattura di modifica?

In qualsiasi azienda o attività commerciale, sempre, per un motivo o per l’altro, verranno commessi diversi errori. E l’importante è come correggerli. Questo vale anche per le fatture. Cosa succede se si commette un errore su una fattura? È necessario emettere una fattura correttiva.

Quando emettere una fattura di modifica?

Da un errore nella ragione sociale della società cliente, l’importo o l’IVA erroneamente calcolata, non avendo incluso i dati rilevanti per il documento contabile, o avendo effettuato direttamente un rimborso. Questi sono i motivi per cui si dovrebbe emettere una fattura correttiva per correggere l’originale.

Qué es una factura rectificativa

E se guardiamo a ciò che indica l’Ufficio delle imposte stesso, le sue parole esatte sono le seguenti:

  • Nei casi in cui la fattura non soddisfa nessuno dei requisiti stabiliti come obbligatori dagli articoli 6 e 7 del regolamento che disciplina gli obblighi di fatturazione.
  • Quando si sono verificate le circostanze che hanno dato luogo alla modifica della base imponibile IVA stabilita dall’articolo 80 della legge 37/1992.

E se si commette un errore nell’emissione di una fattura di modifica, deve essere emessa una nuova fattura. Come per una fattura ordinaria, anche la modifica non può essere modificata.

La fattura di rettifica e l’IVA

Se la vostra azienda si trova in uno dei casi di cui sopra, quello che non dovreste mai fare è modificare la fattura originale e “correggerla”. Dovreste sempre emettere una fattura di correzione, che includa tutte le informazioni corrette, o che indichi la restituzione.

Nel caso dell’IVA, in particolare – che è sempre la preoccupazione principale e la questione che deve essere affrontata – ci sono due motivi principali per cui viene emessa una fattura rettificativa:

  1. Quando i pagamenti dell’IVA sono stati determinati in modo errato.
  2. Perché la fattura originale non è stata pagata e la società aveva già dichiarato e pagato l’IVA alle autorità fiscali. L’emissione di una fattura di correzione è il modo in cui è possibile recuperarla.
Potete anche leggere  Come annullare una fattura

In entrambi i casi, il termine per l’emissione di una fattura rettifica per l’IVA è di un mese dall’emissione dell’originale. E dal momento in cui viene emessa la fattura di rettifica, abbiamo un altro mese di tempo per notificare per iscritto all’Ufficio delle imposte.

Come fare una fattura di correzione

Nel caso in cui si debba modificare l’importo totale della fattura originale, la fattura di modifica deve essere emessa entro un massimo di 4 anni dalla data di maturazione. Ossia, la data in cui si è verificato il fatto imponibile soggetto ad imposta.

Non dimenticate di comunicare per iscritto alle autorità fiscali la modifica dell’importo (che può essere positivo o negativo), allegando una copia di entrambe le fatture: la fattura correttiva e l’originale.

Cómo rectificar una facturaIn una fattura di modifica del modello, è essenziale includere sempre le seguenti informazioni, per evitare sanzioni

  • Il numero e la data della fattura originale, in modo da poterla identificare.
  • Deve essere numerata in modo diverso dalla fattura originale e in una serie diversa.
  • È obbligatorio dichiarare che si tratta di una fattura rettificativa. Idealmente, questo dovrebbe essere indicato nell’intestazione.
  • E’ indispensabile indicare chiaramente il motivo del rilascio e indicare ciò che è stato rettificato: un dato informativo, un calcolo nella tassa, l’aggiunta di informazioni..

E, naturalmente, tutte le informazioni che per default devono essere incluse in una fattura ordinaria:

  • Data di emissione
  • Data di scadenza
  • Informazioni fiscali sia del mittente che del destinatario

In caso di informazioni mancanti o errate sulle società, è meglio non farlo, in quanto è più opportuno che le autorità fiscali ricevano correzioni che si riferiscono a importi, non tanto a modifiche amministrative.

Fatture di correzione negativa: sì o no?

Vengono effettuate al momento della restituzione di un ordine. Ogni volta che si tratta di un prodotto, qualcosa di fisico, sarà possibile giustificarne il problema con facilità. Tuttavia, nel caso di servizi, non è consigliabile utilizzare fatture di rettifica negative, in quanto è più complicato giustificare un tale rimborso davanti all’Ufficio delle imposte.

Potete anche leggere  Tutto sulla fattura ordinaria

Conclusione

Va bene se si commette un errore su una fattura, perché può essere corretto, ma è necessario tenere conto delle scadenze e delle informazioni obbligatorie da aggiungere al documento, per evitare sanzioni o obblighi da parte dell’Ufficio delle imposte.

Nella gestione della contabilità è sempre consigliabile non solo avere un contabile esperto, al quale rivolgersi per qualsiasi domanda, ma anche un sistema o un software per la gestione della contabilità e la fatturazione, che vi aiuterà a svolgere questi compiti.

Ricordate anche che potete dare il vostro contributo dai nostri commenti.


Artículos Relacionados

InnovaCommerce

© 2019 Copyright IDX Innovadeluxe. Tutti i diritti riservati. Il marchio InnovaCommerce è di proprietà di Innovadeluxe Diseño y Desarrollo Web, S.L.. Qualsiasi altro marchio nominato su questo sito web è di proprietà esclusiva del rispettivo proprietario ed è nominato da Innovadeluxe solo a scopo informativo.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere informato sulle novità e le offerte di InnovaCommerce, riceverai anche informazioni gratuite sui consigli di marketing per aumentare le vendite della tua attività.



Ti sei iscritto con successo