Seleziona una pagina

Tutto quello che c’è da sapere sul supplemento di equivalenza

Se sei un lavoratore autonomo, un imprenditore al dettaglio o un intermediario, dovresti sapere tutto sul supplemento di equivalenza . In verità, semplifica notevolmente gli obblighi contabili e fiscali dei commercianti.

Perché? Vi raccontiamo tutto in questo post.

Quando si applica il supplemento di equivalenza?

La sovrattassa di equivalenza è un tipo di regime speciale di IVA, che si applica principalmente a coloro che vendono prodotti al cliente finale, senza averli prodotti o trasformati.

Per chiarezza, se avete un negozio online di abbigliamento sportivo e acquistate i prodotti attraverso uno o più fornitori, con lo scopo di venderli al cliente finale, allora sarete soggetti a questo tipo di schema.

Si prega di notare che non si applica a tutte le piccole imprese. Tra le attività economiche che non utilizzano questo tipo di regime ci sono: gioiellerie, concessionari d’auto, stazioni di servizio, gallerie d’arte, vendita di barche e trasporto aereo.

Come funziona?

Nel processo commerciale, è il fornitore che deve includere l’ IVA e il supplemento di equivalenza nella fattura emessa. In altre parole, quando un lavoratore autonomo o un piccolo commerciante fa un acquisto specifico per la sua attività, questo sarà accompagnato da IVA e sovrattassa.

Tuttavia, è importante sapere che l’ acquisto di qualsiasi merce o articolo per il consumo interno dell’azienda non dovrebbe avere questa sovrattassa applicata

Per fare un esempio, se il suo negozio di abbigliamento sportivo ha bisogno di risme di carta per le stampanti, e ovviamente non fa parte del processo di vendita della sua attività, il supplemento non deve essere applicato alle fatture emesse per questo acquisto.

Sono sicuro che vi state chiedendo: perché esiste?

Potete anche leggere  Cos'è una nota di credito?

Molto semplicemente, si tratta di un meccanismo che esenta i dettaglianti dal presentare le dichiarazioni IVA all’Agenzia delle Entrate, dato che, come spiegato sopra, pagano l’IVA e la sovrattassa di equivalenza direttamente ai fornitori che emettono le fatture.

Quindi, se questo è il vostro caso, potete dire addio al tedio della gestione delle tasse.

L’IVA e la sovrattassa di equivalenza vanno di pari passo, poiché l’una dipenderà dalla proporzione dell’altra. Dovete sapere che ci sono tre tipi di supplemento di equivalenza . Essi sono

  • IVA generale al 21%: supplemento di equivalenza del 5,2%
  • IVA ridotta al 10%: supplemento di equivalenza dell’1,4%
  • IVA super ridotta al 4%: supplemento di equivalenza dello 0,5%

Come si rifletterebbero questi importi nella fattura?

Semplice. Immaginiamo che la sua azienda di abbigliamento sportivo faccia un acquisto di 1 000,00 euro di prodotti tassati al 21% di IVA. La matematica sarebbe:

  • Base da pagare: 1 000.00 EUR
  • IVA generale al 21%: 210 EUR
  • Supplemento di equivalenza del 5,2% (di 1 000,00 EUR): 52 EUR
  • Totale da pagare: 1 262.00 EUR

Speriamo che abbiate trovato utile questo articolo. Se vuoi saperne di più su altri argomenti correlati, puoi accedere al nostro sito web e scoprire contenuti nuovi e diversi. Non dimenticare di commentare e condividere.


Artículos Relacionados

InnovaCommerce

© 2019 Copyright IDX Innovadeluxe. Tutti i diritti riservati. Il marchio InnovaCommerce è di proprietà di Innovadeluxe Diseño y Desarrollo Web, S.L.. Qualsiasi altro marchio nominato su questo sito web è di proprietà esclusiva del rispettivo proprietario ed è nominato da Innovadeluxe solo a scopo informativo.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere informato sulle novità e le offerte di InnovaCommerce, riceverai anche informazioni gratuite sui consigli di marketing per aumentare le vendite della tua attività.



Ti sei iscritto con successo